Ragazzi a tavola, come incentivare il consumo di frutta e verdura

Bastano pochi accorgimenti per invogliare i giovani a consumare quotidianamente alimenti ricchi di vitamine e minerali, essenziali per il mantenimento della massa ossea

Per la salute delle ossa dei giovani è essenziale un consumo adeguato di frutta e verdura che aiuti ad assumere vitamine e minerali fondamentali per il mantenimento della massa ossea in generale, come la vitamina K, il magnesio, lo zinco e i carotenoidi.

Una dieta sana ed equilibrata dovrebbe includere ogni giorno almeno cinque porzioni tra frutta e verdura. Per quello che riguarda la frutta una dose equivale circa a 100-150 grammi (un frutto medio intero oppure due, tre frutti piccoli); una porzione di verdura corrisponde a circa 50 grammi nel caso la si consumi a crudo oppure, se ci si riferisce alla verdura cotta bisognerebbe calcolarne circa 250 grammi a crudo.

Ecco dunque quattro consigli utili per introdurre il giusto apporto di frutta e verdura nell’alimentazione giornaliera dei ragazzi (ma anche dei più grandi):

  • Lo yogurt, ricco di calcio, è un ottimo snack, che diventa ancora più gustoso se arricchito in maniera bilanciata con frutta fresca o frutta secca a guscio, oltre che con fiocchi di avena o cereali.
  • Si può prendere l’abitudine di aggiungere il formaggio non solo sulla pasta, ma anche sul passato di verdure e addirittura nell’insalata: il risultato sarà molto gustoso e nutriente.
  • Come merenda o snack veloce da consumare anche a scuola si può proporre frutta a guscio, come mandorle e noci, e secca come albicocche e prugne.
  • Un modo per invogliare i giovani a consumare le verdure crude, come cetrioli, carote, rapanelli e sedano, è quello di offrirli tagliati a bastoncini e magari insieme a ricotta o scaglie di parmigiano.
  • L’insalata verde è più sfiziosa se arricchita di colore: meglio quindi aggiungere carote, pomodorini, fagiolini, ecc tagliati a julienne (filetti sottili) per un contorno allegro e vivace.
  • Quando offrite la frutta combinate sapientemente gli ingredienti in modo da rendere il piatto gradevole alla vista, magari con una bella macedonia dai toni vivaci.

Approfondisci l’argomento visitando il sito della Fondazione Firmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top