L’osteoporosi, una malattia che causa la debolezza e la fragilità delle ossa, è la causa delle ossa rotte in circa una donna su tre e un uomo su cinque di età superiore ai 50 anni in tutto il mondo. Le fratture della colonna vertebrale (o “vertebrali”) sono le fratture osteoporotiche più comuni – con una nuova frattura della colonna vertebrale che si stima si verifichi ogni 22 secondi in tutto il mondo. Tuttavia, sebbene rappresentino una delle principali cause di dolore e disabilità a lungo termine, fino al 70% delle fratture vertebrali non vengono sottoposte a attenzione clinica.

La Fondazione Internazionale Osteoporosi (IOF) sollecita gli adulti ad essere all’erta per tre segni di possibili fratture della colonna vertebrale: dolore alla schiena improvviso e grave; perdita di altezza superiore a tre centimetri (poco più di un pollice); o si chinò indietro.

Il presidente della IOF, il professor Cyrus Cooper, ha dichiarato:

“I pazienti con dolore lombare improvviso sono spesso semplicemente prescritti antidolorifici e non adeguatamente valutati e trattati per la causa sottostante. Tuttavia senza un trattamento preventivo, una frattura della colonna vertebrale può dare inizio a una cascata di ossa più rotte, che a loro volta portano a dolore e disabilità a lungo termine. “

Infatti, una donna su cinque con una frattura della colonna vertebrale ne subirà un’altra entro dodici mesi, con un grave impatto sulla qualità della vita. Anita, un paziente svedese con una storia familiare di osteoporosi, è un tipico esempio. Anita ha subito fratture multiple della colonna vertebrale, mentre la terza si è verificata quando ha avuto l’influenza e ha semplicemente tossito. Come risultato delle fratture della colonna vertebrale, ha perso sei centimetri di altezza, soffre di dolore cronico e ha dovuto abbandonare il suo amato lavoro come infermiera.

Insieme alle sue organizzazioni di 240 membri in tutto il mondo, l’IOF chiede ai professionisti sanitari di affrontare la sottostima e il trattamento insufficiente delle fratture vertebrali.

Il professor Cooper ha aggiunto:

“Consigliamo ai radiologi che eseguono regolarmente le radiografie di essere alla ricerca di fratture vertebrali e di segnalarli correttamente come “fratture”. Anche i medici devono fare la loro parte per garantire che, una volta identificati, i pazienti traggano vantaggio da appropriate strategie di trattamento e di gestione, prima che si verifichino ulteriori danni e lesioni mortali “.

Le fratture dovute all’osteoporosi rappresentano un onere enorme per i sistemi sanitari e si prevede che i costi aumenteranno notevolmente nei prossimi decenni. L’IOF chiede l’implementazione di servizi di collegamento alla frattura negli ospedali di tutto il mondo – un passo avanti cruciale nella riduzione dei costi umani ed economici delle fratture da fragilità. Tali servizi aiutano a garantire che la prima pausa di un paziente sia l’ultima.

close

Newsletter Firmo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here